LEGGE MEMORIA – IN AULA LA CLAUSOLA VALUTATIVA

I risultati del triennio 2019-21 discussi ieri alla Commissione assembleare

02 Dicembre 2022

La cosiddetta ‘clausola valutativa’ è lo strumento che consente all’Assemblea di verificare periodicamente l’efficacia delle nuove leggi approvate. Ai sensi dell’articolo 6 della Legge Memoria del Novecento, è stata presentata ieri in commissione V Cultura la relazione relativa agli interventi finanziati nell’ultimo triennio.

Nel corso della stessa è stato evidenziato come, nel triennio in esame, la legge ha allargato il proprio spettro d’azione, incontrando l’interesse non solo di Associazioni ed Enti che per vocazione hanno a che fare con la Memoria del Novecento (ANPI, Associazione Parenti vittime della strage di Ustica, Comune di Casalecchio che ogni anno si fa carico di ricordare l’aereo caduto sull’Istituto Salvemini…), ma anche di associazioni private che, pur essendo nate con vocazione teatrale o turistica, si sono poi messe in gioco sul tema della Memoria.

Sono stati successivamente illustrati alcuni esempi di progetti nati grazie alla Legge 3/2016, e di soggetti che hanno saputo coinvolgere un pubblico sempre più ampio di studenti, spettatori, cittadini, lavorando in maniera inconsueta sulla Storia e sulla geografia del Novecento in Emilia-Romagna, intendendo come geografia il mutamento del paesaggio che per esempio l’architettura fascista, ma non solo, ha generato sul nostro territorio.

In calce si riporta la relazione consegnata alla Commissione assembleare e le slides che ne hanno accompagnato la presentazione in aula.